Consigli per una tavola natalizia a prova di allergia

Giugno 2022   Linda Armstrong  |  ✓  Revisione medica di: Gary Falcetano, PA-C, AE-C; Fabio Iachetti, MD; Rebecca Rosenberger, MMSc, PA-C

Assistente medico abilitato con oltre 25 anni di esperienza in ambiti diversificati quali medicina dei disastri e d'emergenza, medicina di base, allergologia e immunologia, Gary Falcetano è Allergy Clinical Affairs Manager USA di ImmunoDiagnostics presso Thermo Fisher Scientific. Fabio Iachetti è un medico abilitato con oltre 15 anni di esperienza in diverse aree cliniche, quali allergologia, medicina cardiovascolare, dolore, apparato gastrointestinale, reumatologia, urologia e diabetologia. È Allergy Senior Medical Manager nel team Global Medical Affairs di ImmunoDiagnostics presso Thermo Fisher Scientific. Oltre al ruolo di assistente medico praticante nel campo dell'allergia e dell'immunologia da oltre 20 anni, Rebecca Rosenberger è Associate Director Clinical Affairs & Education di ImmunoDiagnostics presso Thermo Fisher Scientific.

Come dice una vecchia canzone, il periodo natalizio dovrebbe essere "il più bello dell'anno", ma se ti trovi a organizzare pranzi o cene con amici e familiari, le feste possono diventare stressanti, in particolare se uno o più ospiti hanno un'allergia alimentare diagnosticata o sospetta. Soddisfare le esigenze di tutti, compresi gli ospiti con allergie alimentari e quelli che non vogliono rinunciare alle tradizionali abbuffate, può essere davvero impegnativo.

Ma non serve trasformarsi nel Grinch: fai un respiro profondo, versati una tazza di tè chai e magari intona un paio di "ommmm". Di seguito troverai alcune informazioni e strategie utili per imbandire una tavola natalizia a prova di allergie, per trascorrere momenti di festa in tutta sicurezza senza mettere a repentaglio il tuo spirito natalizio. 

Alcuni dati e informazioni sulle allergie alimentari possono contribuire a ridurre l'ansia.

La maggior parte di noi teme quello che non conosce. E se questa è la tua prima esperienza nel campo delle allergie alimentari, probabilmente è anche il tuo caso. Ma alcuni dati e informazioni possono aiutarti a capire i fondamenti delle allergie alimentari, riducendo notevolmente il disagio.

Quando si tratta di allergie alimentari, nessuno deve sentirsi solo.

Si stima che una quota compresa tra il 2 e il 5% degli adulti, pari a 220-520 milioni di persone a livello mondiale, potrebbe avere delle allergie alimentari.1,2 Ciò significa che una miriade di famiglie riesce a gestire le proprie allergie 365 giorni all'anno: ce la potete fare anche voi!

Le reazioni allergiche alimentari possono variare.

Sebbene in alcuni casi siano possibili reazioni pericolose per la vita, i sintomi delle allergie alimentari hanno livelli di gravità molto variabili. I sintomi possono includere:3

  • Orticaria
  • Gonfiore della lingua
  • Senso di costrizione alla gola, raucedine, difficoltà a deglutire
  • Respiro corto/respiro sibilante
  • Tosse persistente
  • Polso debole
  • Shock o collasso circolatorio
  • Cute pallida o cianotica
  • Capogiri/sensazione di svenimento
  • Anafilassi (potenzialmente pericolosa per la vita, l'anafilassi può compromettere la respirazione, influire sulla frequenza cardiaca e causare un drastico calo della pressione arteriosa).

Le cause più comuni di allergia alimentare

Gli alimenti che possono causare reazioni allergiche sono oltre 1704 e, per alcune persone, anche quantità minime possono essere pericolose. Ad esempio, respirare il vapore generato dalla cottura dei crostacei o il semplice contatto con alcuni alimenti può causare reazioni in persone altamente sensibilizzate.5 Detto questo, i seguenti otto tipi di alimenti sono responsabili di circa il 90% della totalità delle reazioni allergiche alimentari negli Stati Uniti,3 mentre nel resto del mondo sono stati individuati ulteriori due alimenti come fattori scatenanti comuni in alcuni Paesi.3 Se uno dei tuoi amici o familiari è (o potrebbe essere) sensibilizzato ad uno qualsiasi di questi allergeni, segui i link per scoprire di più, comprese le possibili fonti "nascoste" dove potrebbero essere presenti.

(*la categoria della frutta secca include anacardi, noci pecan, pistacchi, noci, noci di macadamia, nocciole, noci brasiliane e mandorle)

Alcuni semi (come senape e sesamo) rappresentano altri fattori scatenanti comuni per le allergie alimentari e sono allergeni importanti in alcuni Paesi.3

10 strategie per la gestione delle allergie alimentari durante le festività

Poiché non esiste alcuna cura per le allergie alimentari e l'unico modo per scongiurare le reazioni è evitare del tutto l'allergene, le strategie preventive sono fondamentali per mettersi a tavola in sicurezza.6 Di seguito riportiamo alcune strategie raccomandate dagli esperti e qualche suggerimento per aiutare te, la tua famiglia e i tuoi ospiti a vivere delle feste serene senza inutili rischi.

Before you can accommodate individual food allergies, it helps to identify them. If someone in your immediate family has a suspected food allergy, consult with your healthcare provider to determine if allergy testing is warranted. 

When inviting people to your holiday gatherings, inquire about potential food allergies and what adaptations would be helpful. Try to include options void of the most allergenic foods and a few allergy friendly snacks.

Educate yourself about food allergies in general and about any specific allergens unique to your guests, and then pass on critical information to those in attendance. For example, you might explain that trace amounts of allergens can cause a reaction, identify potential hidden sources of a specific allergen, provide instructions for dealing with food-related emergencies, and warn about cross-contact via utensils, surfaces, and more.5,7,8 

If you’ve identified specific food allergies among your guests, consider a menu that includes some options void of these allergens and take the necessary precautions to prevent cross-contact. (See below.) But if specific allergens haven’t been identified, you can eliminate the most common culprits from at least a few of your offerings and/or ask guests not to bring anything containing these items. Foods most associated with reactions in children are milk, eggs, and peanuts. In adults, the offenders are fruits and vegetables (via a condition called Oral Allergy Syndrome), peanuts/tree nuts, and fish/shellfish.3   

To prevent potentially allergenic foods from contacting (and perhaps contaminating) “safe” foods, ensure such items are never in close proximity to each other. After preparing potentially allergenic food, wash related cutting boards, surfaces, utensils, and cooking pans/grills with soap and water. Consider using separate dishes and utensils for safe foods versus those that may cause a reaction.8   

When preparing food for your event, read food labels carefully to check for all forms of allergens, and label each dish with a list of its ingredients so guests can easily identify those that may cause symptoms.7 If you’re serving packaged food, keep the labels so food-allergic guests can inspect the items themselves. 

Keep in mind, alcoholic beverages may contain allergenic food items. For example, some types of beer can include wheat or pine nuts, and dairy items might be found in cream liqueurs and cocktails such as piña coladas.

If you’ve planned an allergen-conscious menu but your guests still want to bring something to contribute, ask them to provide plates, cups, napkins, or decor instead of food.7

Establish a plan of action for severe reactions and post it in a central locale for the gathering. 

To create the ultimate allergy-friendly holiday gathering, remove food from the event altogether. Rather, focus the festivities on an experience such as sledding, bowling, holiday movies, etc.7

Strumenti per comprendere le allergie

 

Compila il tuo profilo dei sintomi allergici per identificare le informazioni da condividere durante la visita con il medico di famiglia.

Ulteriori informazioni su allergeni specifici, sintomi comuni e gestione delle allergie. 

Sei un professionista del settore sanitario? Ottieni informazioni complete su centinaia di allergeni interi e componenti molecolari allergeniche.

  1. Iweala OI, Choudhary SK, Commins SP. Food Allergy. Curr Gastroenterol Rep. 2018 Apr 5;20(5):17. doi: 10.1007/s11894-018-0624-y. PMID: 29623490; PMCID: PMC5940350. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5940350/pdf/nihms962490.pdf.
  2. Pawankar, R., Canonica, G. W., Holgate, S. T., Lockey, R. F., & World Allergy Organization. (2011). World Allergy Organization (WAO) white book on allergy. United Kingdom: WAO.
  3. American College of Allergy, Asthma & Immunology [Internet]. Arlington Heights, IL: American College of Allergy, Asthma & Immunology; 2021. Available from: https://acaai.org/allergies/allergic-conditions/food/.
  4. Food Allergy Research & Education – Facts and Stats [Internet]. McLean, VA: Food Allergy Research & Education; 2020. Available from: www.foodallergy.org/resources/facts-and-statistics.
  5. Food Allergy Research & Education – Common Questions [Internet]. McLean, VA: Food Allergy Research & Education; 2020. Available from:  https://www.foodallergy.org/resources/common-questions.
  6. Centers for Disease Control and Prevention [Internet]. Atlanta, GA: National Center for Environmental Health; 2020 Aug 11. Available from: https://www.cdc.gov/healthyschools/foodallergies/index.htm.
  7. Food Allergy Research & Education – Cross Contact [Internet]. McLean, VA: Food Allergy Research & Education; 2020. Available from: https://www.foodallergy.org/resources/avoiding-cross-contact.
  8. Asthma and Allergy Foundation of America [Internet]. Arlington, VA: Asthma and Allergy Foundation of America; 2017 Dec 13. Available from: https://community.aafa.org/blog/avoid-food-allergy-reactions-during-the-holidays.