Pubblicato: 2 febbraio 2020

Cinque miti sulle allergie primaverili e relative implicazioni


Con l'arrivo della primavera, arrivano anche i pollini. I fiori sbocciano, la neve si scioglie e fanno il loro spiacevole ritorno anche le allergie stagionali. Si potrebbe essere tentati di maledire i pollini quando guardando fuori dalla finestra alberi, graminacee ed erbe infestanti, si percepiscono i fastidiosi sintomi allergici. Così ci si rassegna a fare scorta di fazzoletti e antistaminici. Tuttavia, spesso non è solo il polline primaverile a provocare prurito alla gola e starnuti. Infatti, il 90% circa delle persone che soffre di allergie è sensibilizzato a più allergeni.1

Quindi? Si potrebbe trattare di un numero qualsiasi di allergeni, dagli acari della polvere ai peli di animali domestici, che si combinano per determinare i sintomi. Anche se si può presumere che sia il polline la causa del problema, capire le allergie non è così semplice.

Sfatiamo cinque miti comuni sulle allergie stagionali.

 

1. Spring allergies are only caused by pollen.


Anche se è vero che la primavera porta l'aumento dei pollini, seguita dall'estate e persino dall'inizio dell'autunno, è sbagliato presumere che il polline sia l'unico fattore allergico, prendere un antistaminico e finirla lì. È importante essere consapevoli di ciò che riguarda la propria salute, altrimenti si potrebbe addirittura trovarsi nella situazione in cui si cerca di curare sintomi dei quali non si conosce la causa. Non è assolutamente consigliabile. 

"Ma Allergy Insider, i miei sintomi allergici si manifestano sempre in primavera e anche gli influencer di Instagram si lamentano delle proprie allergie primaverili, quindi deve essere così". Forse. O forse no. Si consideri il seguente concetto: quando si incontrano contemporaneamente più sostanze alle quali si è allergici, queste possono sommarsi dando luogo alla manifestazione dei sintomi.2,3 Questa circostanza è nota come superamento della soglia di scatenamento dei sintomi.

Si pensi alla soglia di scatenamento dei sintomi come al bordo di una tazza vuota e alle diverse sostanze a cui si è allergici come se fossero dei liquidi. Uno goccio di polline, un dito di pelo di animali domestici, un po' di acari e il passo successivo è che la tazza trabocca. Tuttavia, se è possibile modificare questo maledetto cocktail riducendo l'esposizione a uno o due di questi allergeni, la tazza potrebbe non traboccare e questo potrebbe significare niente prurito agli occhi, niente starnuti e niente più corse in farmacia a comprare antistaminici.   

Ovviamente, non possiamo controllare la natura. E madre natura può essere piuttosto irritabile. Ma esistono molte precauzione da prendere per ridurre invece l'esposizione agli allergeni presenti negli ambienti interni, che sono altrettanto in grado di provocare sintomi.   
 

2. You can only be allergic to one thing at a time.


La riduzione dell'esposizione a uno o due allergeni che è possibile controllare (come il pelo di animali e gli acari della polvere) potrebbe consentire di rimanere al di sotto della soglia di scatenamento dei sintomi, anche in presenza di pollini primaverili. 

Esempi di allergeni in ambienti interni ai quali è possibile controllare l'esposizione sono:
 

Peli di animali domestici
Acari della polvere
Scarafaggi
Muffa

   

3. Only allergic triggers cause symptoms.


Non sono solo gli allergeni a causare sintomi allergici come prurito agli occhi, naso che cola o starnuti. Questi sintomi, infatti, possono essere scatenati anche da fattori non allergici. L'uso di un nuovo prodotto detergente o il fumo di sigaretta sono alcuni esempi di fattori scatenanti non allergici. È importante notare che questi fattori scatenanti non agiscono biologicamente allo stesso modo dei fattori allergici, quindi gli antistaminici non offrono alcun sollievo. Altri esempi sono:

  • Fumo di sigaretta
  • Inquinamento atmosferico
  • Prodotti per la pulizia
  • Profumi e acque di colonia
  • Polvere esterna (ad esempio, tempeste di sabbia)

 

4. It’s impossible to know exactly what you’re allergic to.


Una delle azioni più importanti da intraprendere nel momento dell'insorgenza dei sintomi allergici, o anche prima, è l'esecuzione dei test diagnostici per le allergie. Gli esami del sangue delle IgE specifiche aiuteranno il medico di famiglia a individuare esattamente le sensibilizzazioni allergiche che affliggono il paziente. Sarà possibile conoscere la causa esatta delle proprie reazioni allergiche e le misure da adottare per ridurle o evitarle. E indovina? La riduzione dell'esposizione a questi fattori scatenanti può anche aiutare a gestire i sintomi, o addirittura a eliminarli del tutto. Evviva!  

Sebbene non sia possibile effettuare un test allergologico che determini i fattori scatenanti non allergici, in base ai sintomi e ai risultati dei test è possibile utilizzare un processo di esclusione. Se i risultati dei test sono negativi, ma i sintomi simili allergici persistono, il medico di famiglia potrebbe suggerire di esaminare altre possibili cause, comprese quelle ambientali e di fare quanto possibile per evitare i fattori non allergenici responsabili.
 

5. Suffering through allergy season is the only option.


Abbiamo riportato alcune osservazioni interessanti su polline, allergie in ambienti interni e fattori scatenanti non allergici e sulle possibili soluzioni. Ora tocca a te. Stupisci i tuoi amici, informa il tuo medico di famiglia e cammina a testa alta in barba al naso che cola. Non c'è motivo di soffrire.

Non dimenticarti di eseguire i test diagnostici! Puoi farlo chiedendo al medico di famiglia informazioni sugli esami del sangue delle IgE specifiche o esplorando le altre possibilità indicate di seguito.  

 

Strumenti per comprendere le allergie

 

Compila il tuo profilo dei sintomi allergici per identificare le informazioni da condividere durante la visita con il medico di famiglia.

Ulteriori informazioni su allergeni specifici, sintomi comuni e gestione delle allergie. 

Sei un professionista del settore sanitario? Ottieni informazioni complete su centinaia di allergeni interi e componenti molecolari allergeniche.

  1. Ciprandi G, Alesina R, Ariano R, et al. Characteristics of patients with allergic polysensitization; the polismail study. Eur Ann Allergy Clin Immunol. 2008;40 (3);77-83.
  2. Wickman M. When allergies complicate allergies. Allergy. 2005;60 (Suppl 79):14-18.
  3. Burbach GJ, et al. GA2 LEN skin test study II: clinical relevance of inhalant allergen sensitizations in Europe. Allergy. 2009;64:1507-15.